Prima seduta gratuita
 

Sommario Newsletter del febbraio 2002

  • Dare un senso alla vita (subito sotto)
  • Cos'è il Counselling? vai
  • Servizi educativi e di sostegno alla famiglia vai
  • Bibliografia per il Counselling vai
  • I Vampirati - racconto di Edda D. vai
Vuoi che qualcuno riceva questa Newsletter? Vai a >>CONTATTI <<

 

Dare un senso alla vita

Ci sono momenti in cui si ha la sensazione che "ci si sta sopravvivendo" e che si sta "tirando a campare". Affiorano sentimenti di tristezza e vuoto interiore, pensieri: “…………come mi vanno le cose? Dove sta andando la mia vita? Ne sono soddisfatto?…..………………….”

Sono momenti in cui si è portati a tirare le somme e può capitare che i “conti” della propria vita non tornino.

Eppure è in certi momenti che possiamo decidere di “fare un salto di qualità”, ricordare che “si vive una sola vita” (quante volte lo dimentichiamo!!) e che è il caso di riprendere il controllo e dirigerla verso quegli obiettivi che sentiamo significativi.

Secondo Heidegger, l’Uomo non può ridursi ad un puro oggetto, cioè ad un semplice essere-presente ma deve progettare la propria esistenza. Può fare questo solo se rinuncia ad essere una semplice comparsa che si trascina giorno per giorno ma decide di dare significato ai propri giorni e vivere autenticamente con degli scopi significativi, importanti, positivi.

Molto simile la prospettiva di Viktor Frankl, fondatore di una psicoterapia la Logoterapia. Una psicoterapia il cui obiettivo fondamentale è quello di aiutare la persona a trovare il significato della propria esistenza.

La storia di Frankl è molto particolare.

Allievo di Freud, allo scoppiare della razzia contro gli ebrei fu deportato in un campo di concentramento e lì scoprì l’importanza della spiritualità nell’uomo.

Nel campo di concentramento perse tutto: moglie, fratello, genitori.  Conobbe i maltrattamenti, la fame, le malattie, la morte incombente. Vide la distruzione di tutti i valori umani. Nonostante tutto sopravvisse. Non ce l’avrebbe fatta se non avesse dato senso a quello che stava accadendo, capì che la vita era un’avventura che meritava di essere vissuta.

La vita del campo di concentramento era brutale,  una continua lotta per la sopravvivenza, alcuni uomini non esitavano a passare sul cadavere dell’altro per salvarsi ma altri riuscivano a prendere posizioni rispetto alle proprie paure e angosce ed a compiere gesti di grande generosità.

Secondo la Logoterapia l’Uomo è composto da tre dimensioni che sono tra loro collegate: il corpo, la psiche (sentimenti, emozioni) e la dimensione spirituale (da non confondersi con quella religiosa).

Per spiritualità si intende la capacità dell’uomo di progettare la propria vita e tendersi, come accade in un arco, verso obiettivi densi di significato.

Secondo Frankl, la dimensione spirituale è quella che differenzia l’essere umano dagli animali: gli animali hanno un corpo, anche una dimensione psichica(visto che anche gli animali provano emozioni) ma non hanno questa capacità che è solo dell’Uomo.

Secondo la Logoterapia la felicità è quella sana tensione che si prova quando si è protesi verso qualcosa che si ritiene molto significativo.

 

Posso avere una macchina bellissima e fiammante, ma se non mi metto alla sua guida e, soprattutto, non so dove portarla è qualcosa di inutile.

La  dimensione spirituale aiuta ad andare oltre se stessi, i propri bisogni e sentimenti per aiutare l’Altro.  Prendere posizione di fronte agli avvenimenti della vita.  Il riconoscimento che in ogni situazione, anche nelle più tristi, vi è senso.

Ricordiamo tutti  la storia di una donna genovese che, per una grave malattia, fu costretta sin da giovane a vivere attaccata ad una macchina in un letto d’ospedale. Quando le accadde questa disgrazia cadde in una profonda disperazione. Tuttavia, comprese che avrebbe potuto dar senso alla propria sofferenza incontrando la gente: scrisse dei libri di poesie, diede vita ad un giornalino, incontrò scolaresche e ricevette lettere da tutto il mondo. Era diventata una statua vivente alla speranza ed alla vita. La sua dimensione fisica era ridotta ai minimi termini, dal punto di vista psichico probabilmente conviveva con sentimenti non proprio piacevoli, ma riuscì a prendere posizione rispetto a questa sofferenza e a darle un senso.  E’ morta alcuni anni fa lasciando tantissimi amici.  

La Logoterapia è una psicoterapia che ha contenuti teorici, metodologia e tecniche per aiutare una persona a dare un senso alla propria vita……………. bisogna solo avere la volontà di “mettersi in gioco”.

 

contatti

  Vai alla

dott. Paolo Danza - psicopedagogista in Bari
tel. 080.4550493 - cell. 328.4779206
dr.paolodanza@counsellor.it

 


dott. Paolo Danza - psicopedagogista in Bari
tel. 328.4779206
e-mail: padanza@libero.it